Parco regionale urbano del Pineto

Costo: 10 euro - Durata: 2h e 30 min

Domenica 14 Giugno 2020 - ore 18.00

Il Parco Regionale Urbano del Pineto fa parte del sistema di parchi e riserve presenti nel comune di Roma e gestite dall’ente regionale Romanatura; situato nel quadrante nord occidentale della nostra città, è compreso fra via Trionfale, via della Pineta Sacchetti e il quartiere di Valle Aurelia.

Con una superficie di 250 ettari, la particolarità del Pineto è la presenza di un grande mosaico di ambienti ed habitat differenti. Infatti molto rilevante è l’assetto geologico dell’area: l’alternanza di sabbie giallastre e argille ricoperte di sabbia sedimentaria, oltre a determinare una grande biodiversità, genera dei veri e propri piccoli canyon. Ciò si traduce nella presenza di specie vegetali con esigenze fisiologiche molto diverse e perciò difficilmente riscontrabili nella stessa area.

Su via della Pineta Sacchetti si affacciano aree attrezzate per percorsi sportivi e jogging, ma basta girare l’angolo e lo sguardo viene inesorabilmente attirato da un panorama eccezionale: un sistema collinare naturale, ultimo lembo cittadino della tipica macchia mediterranea costiera, con sullo sfondo la cupola di San Pietro.

Qui a dominare sono le specie tipiche del Lazio, adattate alla salinità e al caldo delle nostre fasce costiere: nella macchia alta sughere, lecci e corbezzoli, in quella bassa abbondano invece gli arbusti aromatici, prevalentemente lentisco e erica arborea, e la riconoscibilissima ginestra. Numerosissime sono anche le specie floreali, tra cisti, malva selvatica e diverse specie di orchidee. Ma il parco del Pineto non smette di stupire: a fondovalle sono anche presenti ambienti umidi permanenti; ecco allora che ci troviamo improvvisamente circondati da felci, equiseti, canne e pioppi ma anche da roverella e nocciolo, alberi che richiedono climi più freschi ma non acque superficiali.

Estremamente varia è anche la fauna, a partire dagli uccelli, che tra rapaci e passeri comprende più di 50 specie, la maggior parte nidificanti, fino ad arrivare a mammiferi come istrici, volpi e cinghiali, senza dimenticare la miriade di libellule, tritoni e rane che popolano i numerosi rigagnoli e stagni.

Tipologia itinerario: aree naturalistiche, tour e passeggiate all'aperto;

 

Inizio visita: 18.00;

Termine visita: 20.30 circa.

 

Appuntamento: ore 17.45 in via Vittorio Montiglio 18, fronte Chiesa Gesù Divino Maestro, 00167, Roma; la visita verrà annullata in caso di maltempo.

Il sentiero è ad anello. Dopo un iniziale tratto in piano ci conduce all'interno della suggestiva Valle Dell’Inferno; da qui proseguiremo per circa 1 km fino a raggiungere le zone umide più interne, per poi tornare indietro attraversando una zona più secca dominata dalle sughere. L'escursione, adatta ad adulti e bambini, durerà circa un paio d'ore e coprirà una distanza di 2.5 km in piano, tranne il breve tratto di circa 100 metri, con un dislivello di circa 40 metri, necessario per scendere a valle e risalire. 

La Riserva è facilmente raggiungibile con la macchina, percorrendo la Tangenziale in direzione Gemelli, oppure tramite la linea ferroviaria urbana FL3: la fermata è Gemelli ed è situata a circa 500 metri dall'entrata.
Necessità di scarpe comode e di un cappello per proteggervi dal sole.

 

Costo visita: 10 euro tutto incluso

Tutte le nostre proposte culturali sono riservate ai Soci dell’Associazione. Per associarsi occorre compilare un modulo di adesione che vi forniremo via mail, da consegnare alla prima attività. La quota associativa sarà inclusa nell’importo della quota di partecipazione della suddetta attività culturale a cui si prende parte.

Modalità di prenotazione: inviare una mail a visite@tuscola.it o un sms al 371.1423882 indicando il numero dei partecipanti, i dati anagrafici di ognuno e un recapito telefonico. I posti sono limitati.

On line sul form: https://www.tuscola.it/prenotazioni-visite-guidate

Copyright © 2016 Associazione Tuscola

Servizi culturali, Roma

 

CF 97876860582

tel 371.1423882

visite@tuscola.it